//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

Muffa in casa e rimedi Legali

Posted by on Dicembre 9, 2016

Hai muffa e umidità in casa? Vuoi sapere come rimediare dal punto di vista giuridico?

Vediamo dunque cos’è la muffa o umidità eccessiva sulle pareti e quali sono i rimedi che si possono intraprendere dal punto di vista legale quando il problema della muffa in casa vi assilla.

Muffa in casa e rimedi Legali

Prima di approfondire gli aspetti giuridici della presenza di muffa e umidità in casa è bene tenere presente che la muffa altro non è che un organismo vivente (fungo) di tipo parassitario che si forma sulle superfici di varie cose.

La muffa assieme all’umidità emette un odore caratteristico di chiuso ed aria viziata che quasi sempre riconduce tutti ed inequivocabilmente alla presenza di muffa in casa.

La muffa rappresenta spesso una problematica rispetto agli ambienti chiusi ed umidi: non è raro vedere della muffa nei bagni, negli angoli sui soffitti ecc., ma non sfuggono neppure anche le altre stanze della casa quali camere da letto e cucine.

avvocato esperto per problemi di muffa in casa

Aspetti legali della presenza di muffa in casa

Solitamente si manifesta sulla superficie dei muri e dei soffitti, ma può proliferare non solo superficialmente, ma è anche in grado di intaccare l’intera struttura delle pareti riducendo la capacità stessa delle pareti di contenere il calore e a lungo andare produce un degrado fisico delle stesse strutture.

La muffa è un allergene molto potente, sicché gli ambienti con presenza di muffa possono essere molto dannosi per la salute di tutti e molto pericolosi per i soggetti allergici o asmatici.

Non soltanto le spore della muffa possono creare irritazioni e problemi polmonari nei soggetti più deboli, in particolar modo negli anziani e nei bambini, ma è la presenza nelle spore della muffa di alcune tossine particolarmente potenti a causare i maggiori problemi alla salute.

Il colore della muffa sulle pareti di casa dipende dalla sua composizione infatti esistono vari tipi di muffa che proliferano a seconda delle condizioni ambientali.

La presenza di muffa nell’abitazione dipende da vari fattori.

Le cause della muffa in casa

A che cosa può essere dovuta la muffa in casa?

Le cause delle muffe in casa possono essere varie e devono essere chiaramente individuate da tecnici specializzati a mezzo di apposite perizie ed indagini tecniche quali la termografia a raggi infrarossi, rilievi igrometrici delle pareti, solo il tecnico specializzato potrà meglio individuare le reali cause della muffa in casa e proporvi ove possibile un rimedio utile alla loro eliminazione, ma in generale, quando abbiamo di fronte della muffa, ciò può essere dovuto:

  1. difetti costruttivi dell’immobile che generano ponti termici o infiltrazioni d’acqua;
  2. ad una scarsa esposizione al sole degli ambienti interessati in quanto poco soleggiati per la loro posizione o perché tenuti per molto tempo chiusi;
  3. alla eccessiva umidità dei locali e/o dell’aria;
  4. ad infiltrazioni di acqua;
  5. alla condensazione dell’umidità dell’aria che si deposita sui muri a causa della escursione termica tra interno ed esterno, evento spesso collegato all’ubicazione dell’immobile ed alla tipologia costruttiva e a difetti dell’isolamento termico;
  6. al comportamento di chi vi abita (es. scarsa ventilazione o manutenzione dell’immobile)

Quando si ha la muffa in casa, per risolvere il problema è necessario individuare prima di tutto ed in modo certo attraverso una perizia tecnica, le reali cause delle muffe nell’abitazione.

È evidente che le responsabilità civilistiche sulla presenza di muffa, ad esclusione dell’ultima ipotesi su fatta (in tal caso chi abita l’immobile non potrà far altro che prestare più attenzione alle proprie abitudini o dotarsi degli strumenti utili all’eliminazione della muffa in casa), negli altri casi vi possono essere responsabilità di terzi per non aver realizzato a regola d’arte o secondo le normative vigenti l’immobile stesso..

Di chi è la responsabilità della muffa in casa e chi paga?

Nei casi dunque di difetti costruttivi dell’immobile, ove accertati da un perito con apposita perizia tecnica, laddove la presenza di muffa fosse molto diffusa non si può escludere, laddove si fosse ancora in tempo e non vi sia prescrizione, un’azione legale per contestare gravi vizi e difetti verso il costruttore, il progettista ed il direttore dei lavori.

Si è dunque in presenza della responsabilità decennale per gravi difetti costruttivi.

Anche le case nuove possono avere vizi costruttivi che generano muffa e condensa.

Nei casi in cui si hanno danni per via delle Infiltrazioni e della muffa si potrebbe arrivare a chiedere anche i danni esistenziali che vanno risarciti anch’essi.

Nel caso di muffe collegate ad infiltrazioni o a ponti termici, è evidente che sia necessario eliminare quella causa, ma spesso i costi sono molto alti.

Nelle ipotesi di muffe collegate a condensa o ponti termici e comunque ad una non buona esposizione degli ambienti o in generale a vizi costruttivi dell’immobile, è utile valutare assieme ad un tecnico specializzato la soluzione migliore, ossia valutare se il problema è risolvibile operando all’interno dell’unità immobiliare oppure dall’esterno ed in caso di un edificio in condominio si ricorda di coinvolgere l’amministratore del condominio, in quanto le pareti perimetrali sono beni comuni.

È utile poi ricordare che le innovazioni quali la posa in opera cappotti termici, la e altre soluzioni utili alla coibentazione degli ambienti devono essere considerate opere volte a migliorare la salubrità dell’edificio e come tali sono deliberabili con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti all’assemblea che rappresentino almeno la metà del valore dell’edificio (art. 1120, secondo comma, c.c.). Vi sono poi altre soluzioni che riducono gli effetti dei vizi costruttivi sulla muffa in casa come ad esempio la Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) o latri sistemi.

Rispondi

Condividi